Pensioni, Si rinnova nel 2023 l’esonero per gli agricoltori under 40

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Lo prevede un passaggio della legge di bilancio per il 2023. Esonerati dal versamento dei contributi previdenziali per due anni gli under 40 che si iscrivono per la prima volta alla previdenza agricola.

Si rinnova anche nel 2023 lo sgravio contributivo per promuovere forme di imprenditoria nel settore agricolo. Lo prevede l’articolo 1, co. 234 della legge n. 197/2022 (Finanziaria 2023) che reca la proroga dello sgravio sulle nuove iscrizioni alla previdenza agricola avvenute tra il 1° gennaio 2023 ed il 31 dicembre 2023 da coltivatori diretti e da imprenditori agricoli professionali con meno di quaranta anni.

La misura, come si ricorderà, era stata introdotta dall’articolo 1, co. 344 e 345 della legge n. 232/2016 con riferimento ai coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, di età inferiore a 40 anni, che avessero effettuato una nuova iscrizione nella previdenza agricola nel 2017 o nel 2016 (in quest’ultimo caso solo se iscritti con aziende ubicate nei territori montani o nelle aree agricole svantaggiate); fu poi prorogato anche nel 2018 con la legge 205/2017 ma non nel 2019 e poi riproposto nel 2020, nel 2021 e nel 2022 con le ultime tre leggi di bilancio (legge n. 160/2019, legge n. 178/2020, legge n. 234/2021).

Anche nel 2023

La Finanziaria 2023 riconosce l’esonero contributivo ai coltivatori diretti (CD) e agli imprenditori agricoli professionali (IAP) che avviano una nuova attività imprenditoriale agricola nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2023 e il 31 dicembre 2023 e che non abbiano compiuto quaranta anni d’età alla data d’inizio della nuova attività imprenditoriale agricola. Restano pertanto escluse dall’esonero (in quanto non “nuove”) le iscrizioni alla previdenza agricola relative a coltivatori diretti e a imprenditori agricoli professionali che negli anni precedenti siano risultati già iscritti nella previdenza agricola o che abbiano un’età superiore a 40 anni.

L’esonero sarà riconosciuto in un importo pari al 100% della contribuzione IVS (è escluso dall’esonero il contributo di maternità di 7,49€ ed il contributo Inail dovuto, quest’ultimo, solo dai coltivatori diretti) solo per i primi due anni di iscrizione alla gestione previdenziale dei coltivatori diretti. La misura resta vantaggiosa per l’assicurato perchè non comporta la riduzione dell’aliquota di computo della prestazione pensionistica, dunque, in sostanza non danneggia la misura della pensione. Si rammenta che l’esonero è incumulabile con altri benefici contributivi previsti dalla normativa vigente. Secondo il Governo potranno godere dell’agevolazione circa 10mila soggetti (di cui 7.800 individui nella categoria CD e 2.200 nella categoria IAP) con un costo complessivo di poco superiore ai 50milioni di euro in termini di minori entrate contributive.

Fonte: Pensionioggi.it

Potrebbe Interessarti Anche:

APE SOCIALE 2024

Aperta la prima finestra dell’anno per la domanda di APE SOCIALE, riproposta con alcune modifiche dalla Legge di Bilancio 2024. Entro il 31 marzo è

Leggi Tutto »